Accensione Fuochi

Icona: 

 
 
 
E' consentita la combustione controllata del materiale residuale vegetale derivante da attività agricola e dalla manutenzione di orti e giardini privati , effettuata secondo le normali pratiche e consuetudini, nel rispetto delle seguenti prescrizioni che costituiscono requisiti minimi cui i Comuni conformano i rispettivi regolamenti di polizia rurale:
Le attività devono essere effettuate sul luogo di produzione, ad adeguata distanza da edifici di terzi, in cumuli di dimensione limitata avendo cura di isolare l’intera zona da bruciare tramite una fascia libera da residui vegetali e di limitare l’altezza ed il fronte dell’abbruciamento;
Le operazioni devono svolgersi nelle giornate di assenza di forte vento, assicurando, fino alla completa estinzione di focolai e braci, costante vigilanza da parte del produttore o del conduttore del fondo o di persona di sua fiducia;
Le ceneri derivanti dalla combustione del materiale vegetale devono essere recuperate per la distribuzione sul terreno a fini nutritivi.
Si fa presente inoltre che il Codice Civile all'art. 844 stabilisce che le immissioni di fumo o calore nel fondo altrui non debbano superare la normale tollerabilità.
Il divieto di accensione fuochi viene automaticamente ripristinato nel caso in cui la Regione Veneto decreti lo stato di “grave pericolosità per gli incendi boschivi”.
 

Tipo ordinanza: 

Allegato: